I Migliori Film di Robin Williams

Istrionico, stravagante, re della risata ma anche capace di toccanti interpretazioni.Scopriamo assieme i migliori film di Robin Williams, uno degli attori più poliedrici e amati della sua generazione.

Gli Inizi

Robin Williams nasce a Chicago, il 21 Luglio 1951.

Sin da giovane Robin si interessò ala recitazione e al teatro, ottenendo un discreto successo come mimo in diversi spettacoli.

La recitazione è la sua vera passione e così, dopo aver completato di studi alla prestigiosa Juiliard di New York, si lancia capofitto nel mondo della tv e del cinema.

L’esordio sul piccolo schermo arriva nel 1977, prendendo parte ad una puntata di Happy Days, nel ruolo di Mork.

L’ottima prova convince Garry Marshall ad offrirgli un ruolo di punta nella serie Mork e Mindy.

Williams, buca letteralmente lo schermo, interpretando magistralmente per quattro anni, fino 1982, il ruolo assegnatoli.

Parallelamente Robin inizia una lunga e proficua carriera come comico, cimentandosi in diversi spettacoli ed esibizioni.

Il debutto sul grande schermo arriva nel 1980, con Popeye, di Robert Altman.

Dopo alcuni pellicole dove si fa le ossa, nel 1984 Robin Williams timbra la prima ottima interpretazioni in Mosca a New York, per la regia di Paul Mazursky.

Il film, è una commedia incentrata sulle vicende di un musicista russo a New York e Williams si cala alla perfezione nella parte, sfruttando anche le grandi capacità oratorie e da poliglotta che possiede.

Good Morning Vietnam e L’Attimo Fuggente

Gli anni passano veloci tra un film e l’altro e nel 1987 esce Good Morning Vietnam, per la regia di Barry Levinson.

Williams, interpreta alla grandissima lo storico speaker dell’ aviazione Adrian Cronauer, raccontando il Vietnam come non era mai stato fatto prima al cinema.

La pellicola, si inserisce in un filone storico di grande importanza sociale, con numerosi registi, come Oliver Stone in Platoon che prendono di petto, il cinema di guerra e la disastrosa campagna militare americana in Vietnam.

Le grandi doti umoristiche e di parlantina di Williams, regalano una prestazione da urlo, che rimane ottima anche con l’ottimo doppiaggio in italiano del grande Carlo Valli.

Due anni dopo, nel 1989, esce quello che è universalmente considerato come la migliore pellicola di Williams: L’Attimo Fuggente.

Diretto da Peter Weir, con protagonisti oltre a Williams, Ethan Hawk e Robert Sean Leonard ( il mitico Wilson di Dottor House), l‘Attimo Fuggente diventa un film simbolo per una generazione.

La libertà di vivere ed esprimersi, l’omologazione del processo educativo e la dolcezza delle parole, trasudano a tutto tondo in una pellicola che si staglia come merito tra i migliori film del decennio in assoluto.

Memorabile la mitica scena “Oh Capitano mio Capitano!“, che ha fatto sobbalzare i cuori di molti, giovani e vecchi, su divani e sale di cinema, sparse per il mondo.

Un vero e proprio cult con frasi che hanno fatto breccia nei cuori di tanti:

Carpe diem, cogliete l’attimo ragazzi, rendete straordinaria la vostra vita.

Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

Cogli la rosa quand’è il momento, che il tempo lo sai, vola! Ogni fiore che oggi sboccia,domani appassirà.

Robin Williams nei panni del professor John Keating

Se vi ho messo voglia di rivedere l‘Attimo Fuggente, potete farlo rapidamente e legalmente cliccando qua, ringraziando LA7 per l’opera buona.

Robin Williams in L'Attimo Fuggente
Robin Williams in L’Attimo Fuggente

Hook e Mrs Doubtfire

Dopo il successo de L’Attimo Fuggente, Williams viene scritturato da Penny Marshall per Risvegli, datato 1990, dove Robin recita alla grande in combo con Robert De Niro.

L’anno seguente, nel 1991, esce La Leggenda del Re Pescatore, una commedia fantastica, diretta da Terry Gilliam.

Williams, recita al fianco di un ispirato Jeff Bridges, in questa pellicola dai toni a tratti mistici, a tratti melanconici, riavvolgendo il nastro e il senso della vita in molteplici visioni.

Williams è ormai una star di assoluto livello e Steven Spielberg lo sceglie come protagonista in Hook – Capitano Uncino.

Il film è la trasposizione cinematografica delle incantate vicende di Peter Pan, ruolo che Williams interpreta alla grandissima, affianco da Trilli Campanellino, Julia Roberts, combattendo l’acerrimo capitan uncino, interpretato magistralmente da Dustin Hoffman.

I ruoli comici calzano alla grande all’istrionico Robin, che nel 1993 mette a segno un altro colpo con Mrs Doubtfire, pellicola fresca e light, che mette però a nudo il problema sociale dei divorzi e delle problematiche familiari ed emotive che esso porta a genitori e figli.

Will Hunting – Genio Ribelle

Gli anni novanta corrono veloci, tra film come Piume di Struzzo, al fianco di Gene Hackman, remake de Il Vizietto e veri e propri cult minori, come Jumanji.

Il grande, grandissimo colpo arriva poco dopo, nel 1997.

Due giovani aspiranti star del cinema, Matt Damon e Ben Affleck, scrivono una sceneggiatura su un giovane dotato ma problematico.

Gus Van Sant si occupa della regia ed il risultato finale è Will Hunting, uno straordinario film di una bellezza quasi puerile.

Robin Williams, interpreta alla grandissima uno psicologo realista e deluso dalla vita, ma pronto a fare di tutto per aiutare il giovane prodigio Matt Damon.

Il film sbanca agli Oscar, vincendo la statuetta come miglior sceneggiatura originale per Matt Damon per Ben Affleck e miglior attore non protagonista per Robin Williams.

Patch Adams e L’Uomo Bicentenario

Dopo Will Hunting, Williams gira nell’arco di due anni Patch Adams e L’Uomo Bicentenario.

Le due pellicole, diverse ma allo stesso modo intense ed emotive, hanno grande successo ed appeal, con il buon Robin che si cala alla perfezioni in ruoli dalla grande complessità umana.

La vera forza di Williams, probabilmente sta qui.

Nella bravura di catturare gioia, amore, dolore, passione e metterle sullo schermo con una leggerezza e una maestria unici.

I ritmi e la voce di Robin vengono prestati anche al mondo dei cartoni, cme nel caso di Aladdin, del 1992.

Williams presta la sua voce al Genio, che nell’edizione italiana viene invece interpretato da un’altrettanto immenso Gigi Proietti.

Gli Ultimi Anni

Nei primi anni del 2000, Williams si dedica a progetti più cupi e oscuri, come Insomnia, per la regia di Christopher Nolan, dove al fianco di Al Pacino si cala in un mondo senza notte, dove omicidi ed ossessioni regnano sovrani.

Dello stesso tono l’ottimo One Hour Photo, del 2002, thriller psicologico di fine fattura e ottima pregevolezza.

Allo stesso tempo, parallelamente, con l’avanzare degli anni, lavora a pellicole più leggere e con ruoli secondari ma fondamentali, come Una Notte al Museo con Ben Stiller.

L’incalzare di una malattia degenerativa compromette la carriera di Williams, che stanco nell’animo si suicida l’ 11 agosto 2014 all’età di 63 anni.

La sua morte è un duro colpo per tutto il mondo del cinema, stante la grande ammirazione di pubblico e addetti ai lavori per i suoi grandi lavori.

Selezionare il meglio di Robin Williams dalla sua grande filmografia non è stato certo un compito semplice, ma abbiamo sguinzagliato i nostri segugi del cinema, che come sempre non ci hanno deluso, ecco i migliori film di Robin Williams.

I migliori film di Robin Williams

  • Mosca a New York (Moscow on the Hudson), regia di Paul Mazursky (1984)
  • Good Morning, Vietnam, regia di Barry Levinson (1987)
  • L’attimo fuggente (Dead Poets Society), regia di Peter Weir (1989)
  • Risvegli (Awakenings), regia di Penny Marshall (1990)
  • La leggenda del re pescatore (The Fisher King), regia di Terry Gilliam (1991)
  • Hook – Capitan Uncino (Hook), regia di Steven Spielberg (1991)
  • Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre (Mrs. Doubtfire), regia di Chris Columbus (1993)
  • Will Hunting – Genio ribelle (Good Will Hunting), regia di Gus Van Sant (1997)
  • One Hour Photo, regia di Mark Romanek (2002)
  • Insomnia, regia di Christopher Nolan (2002)

Grazie per aver letto I migliori film di Robin Williams