I 10 Migliori Difensori di Sempre

Scopriamo assieme i 10 difensori più forti nella storia del calcio. Veri e propri campioni capaci di alzare trofei come nessuno, cambiare l’interpretazione del ruolo e regalare prestazioni monumentali. I 10 Migliori Difensori di Sempre.

Che siate appassionati di Fifa, di Pes, della Liga, della Premier League, della Serie A, o semplicemente avete un amore smodato per il calcio, i difensori da sempre rappresentano per voi l’asse portante di una squadra.

Certo, il fantasista è la luce in attacco, ma come sempre, Primo Non Prenderle, come diceva il buon vecchio Carletto Mazzone.

Una rovesciata è sicuramente un gesto che emoziona e fa esaltare, ma quante volte siamo sobbalzati sulla sedia per un recupero al 89esimo con una scivolata incredibile?

La verità è il difensore è l’ultimo baluardo prima del portiere, ed in alcuni casi è anche una risorsa preziosa per l’attacco.

Andiamo a scoprire I 10 Migliori Difensori di Sempre.

PS. Classifica messa in semplice ordine alfabetico. Questi 10 campioni è assai dura metterli in gioco tra loro.

I 10 Migliori Difensori di Sempre

Due Campioni in Azione
Due Campioni in Azione

Franco Baresi

Franco Baresi è stato la colonna portante del Milan anni 80 e 90.

Arrigo Sacchi, vero e proprio inventore del calcio moderno e dell’uso del fuorigioco e della zona, usava Baresi come comandante in campo. Un vero e proprio mastino, capace di comandare difesa, centrocampo e attacco.

Baresi rischiò di non giocare la Finale Mondiale di USA ‘94, ma si riprese in maniera lampo da un serio infortunio al ginocchio.

Purtroppo sbagliò uno dei rigori decisivi, ma come sempre, i rigori non li sbaglia solo chi non li tira.

Un vero e proprio campione, capace di portare a casa Scudetti e Coppe come fossero caramelle.

Franz Beckenbauer

Il Kaiser Tedesco.

Franz Beckenbauer, è stato senza alcun dubbio il più grande giocatore della storia teutonica, capace di vincere due Mondiali, uno da giocatore e uno da allenatore.

Beckenbauer, ha legato la sua carriera in maniera indissolubile al Bayern Monaco, diventandone capitano e colonna insuperabile.

In campo la sua eleganza era unica, così come la sua forza e potenza nel comandare tutta la difesa.

Spesso, usciva palla al piede dalla linea con una facilità unica, pronto ad imbeccare ali e centravanti.

Memorabile la partita contro l’Italia del 1970 (considerata la partita più bella del secolo), dove Beckenbauer giocò con un braccio fasciato.

Fabio Cannavaro

Fabio Cannavaro, ha legato la sua carriera ad alcune delle più prestigiose maglie del mondo.

Napoli,Inter, Juventus, Real Madrid, sono state le sue mete, oltre a tanti anni di permanenza nel Parma stellare di Callisto Tanzi.

Cannavaro è stato per anni l’esempio di difensore anni 90/2000 per eccellenza.

Veloce, rapido, grintoso, con grande elevazione e personalità. Nella Serie A di quegli anni, marcò tutti i più grandi fenomeni, da Ronaldo a Vieri a Ibra, Sheva e Batistuta.

Nel 2006, come capitano della Nazionale Italiana si dimostrò un vero e proprio baluardo, regalando prestazioni incredibili come la semifinale di Dortmund contro la favoritissima Germania.

A completamento di questa superba carriera vinse giustamente il Pallone d’Oro.

Chi non ricorda Caressa che urla: “Cannavaro! Cannavaro!”

Giacinto Facchetti

Giacinto Facchetti è stato uno dei difensori che più hanno rivoluzionato il ruolo di terzino/tornante nella storia del calcio.

Dotato di grandissime doti atletiche, Facchetti è stato la colonna dell’Inter vittoriosa in Italia ed Europa del Mago Helenio Herrera.

Capace di tenere la linea di difesa alla perfezione, era solito lanciarsi in attacco grazie alle sue lunghe e possenti gambe.

La sua interpretazione del ruolo ha totalmente rivoluzionato il concetto di difensore di fascia.

Ronald Koeman

Ronald Koeman è stato il principe della difesa degli anni 80.

Dotato di una classe sopraffina e di una visione di gioco clamorosa, è stato il primo a creare un ibrido difensore/centrocampista.

Le sue doti balistiche erano ineguagliabili, e hanno permesso al PSV e al Barcellona, di portare a casa due Coppe dei Campioni.

Un vero campione, inserito nell’Olanda dei fenomeni, con la quale vinse l’Europeo 1988.

Paolo Maldini

Paolo Maldini, assieme al padre Cesare, è senza ombra di dubbio il simbolo del Milan.

Giocatore correttissimo e mai sopra le righe, ha passato tutta la sua carriera tra la maglia rossonera e quella dell’Italia, vincendo tutto quello che si poteva vincere con il Diavolo.

Con l‘Italia non fu altrettanto fortunato, ma fece da maestro ad una generazione di giocatori.

Inizialmente terzino di fascia, negli anni ha ricoperto anche il ruolo di centrale di difesa, distinguendosi sempre per la classe, l’eleganza, il senso della posizione e l’anticipo.

Bobby Moore

Bobby Moore, è stato per anni il simbolo dell’eleganza del calcio inglese.

Tecnico e intelligente tatticamente come pochi altri al mondo, Moore è stato la colonna dell’Inghilterra per 11 anni.

Il suo apporto nell’unica vittoria inglese ai Mondiali, nel 1966, è stato senza alcun dubbio fondamentale per il titolo.

Un campione dotato di classe, visione di gioco e durezza.

Un vero mastino inglese.

Daniel Passerella

Daniel Passerella, argentino, è stato l’unico giocatore argentino a vincere due Coppe del Mondo, nel 1978 e 1986.

Difensore arcigno e cattivissimo, è stato per anni l’incubo degli attaccanti d’Europa e Sudamerica.

Un giocatore dotato di una forza fisica e mentale unica, capace di guidare da solo un intero reparto.

La sua personalità, fu fondamentale nel 1986 nello stare fianco a fianco al grande Diego Armando Maradona.

Carles Puyol

Carles Puyol è stato per alcuni anni il simbolo incontrastato di Barcellona, Catalogna e Spagna.

Giocatore dotato di grandissima grinta e voglia di vincere, ha contribuito al periodo d’oro del Barcellona, creando la squadra che con Leo Messi come superstar, ha incantato, vinto, demolito ogni avversario.

Fondamentale il suo apporto anche nella Spagna campione d’Europa e del Mondo, dove era il perno della difesa e arma tattica decisiva sui calci piazzati.

Gaetano Scirea

Gaetano Scirea, vero campione di classe ed eleganza è stato per molti anni il simbolo della Juventus anni 70 e 80.

Marcatore durissimo, capitano e leader in campo, Scirea è stato uno dei difensori più intelligenti, ostici e grandiosi di sempre.

Il suo apporto nella vittoria del Mondiale di Spagna ’82 è immenso, e probabilmente è stato il Libero più forte della storia del calcio. Un signore ed un professionista esemplare.

Se ti è piaciuto quest’articolo leggi anche:

I migliori siti per vedere il calcio in streaming

I migliori siti per rivedere le partite di calcio

Chi Gioca oggi? | Tutte le partite di Serie A e Serie B

I migliori Bomber di Sempre

Grazie per aver letto I 10 Migliori Difensori di Sempre